Il trailer.

Dvd disponibile presso il Museo della Certosa

 

Il primo film documentario su San Bruno

 

  SAN BRUNO PADRE DEI CERTOSINI

Tit. orig.: Saint Bruno père des Chartreux
Durata: 50 minuti
Regista: Marc JEANSON
Fotografia: Bruno BACCHESCHI
Produzione esecutiva: DCX
Co-produzione: Monastère de la Grande Chartreuse / Kto

Versione italiana a cura della Certosa di Serra San Bruno / Compagnia Teatro Incanto (CZ)
 
   

Il primo film documentario sulla vita di San Bruno rende molto bene l’itinerario affascinante della vita di quest’uomo che ha attraversato l’Europa (Colonia, Reims, Chartreuse, Roma, Calabria), spinto sempre più dal desiderio di una vita umile e solitaria nascosta in Dio e trascinando con sé una gran moltitudine di monaci e monache nel corso dei secoli: l’Ordine Certosino.

Nel documentario tutta la vita di San Bruno viene raccontata quasi unicamente attraverso le antiche cronache, illustrate con delle riprese fatte nei luoghi dove Bruno ha vissuto, in Francia
e in Calabria. Vi si ascoltano anche importanti testimonianze dei suoi contemporanei, fra i quali Pietro il Venerabile, come anche brani delle Consuetudini di Certosa la primissima regola dei Certosini scritta da Guigo quinto priore di Chartreuse.

 

Viene utilizzata inoltre una magnifica base iconografica, di cui gran parte inedita. Gustando questo film si comprende quindi come sia possibile cogliere un’analogia tra la bellezza sensibile espressa dalle opere d’arte o dai luoghi in cui Bruno ha vissuto e la bellezza spirituale che irradia dalla sua santità. Segno di contraddizione per la nostra epoca, splendida avventura umana e spirituale di ogni tempo e di oggi in particolare, il silenzio e la sete di contemplazione che hanno preso San Bruno ci parlano ancora e ci attirano …

 
   
Nella seconda parte del documentario viene quindi evocata quella vita monastica che da lui è stata iniziata e che, dopo più di nove secoli, si svolge immutata, ancora oggi in questi monasteri di silenzio.

Il DVD propone anche il catalogo interattivo completo dell’esposizione, il video che ne faceva parte e che mostrava anche altre opere mancanti, e la lettera di Papa Francesco inviata ai monaci certosini in occasione del centenario della canonizzazione di S. Bruno.